Pagine

1 Colourful stools


It is really hard in Italy at the moment, we are going through a big recession caused mainly by the way our politicians have run the country for the last 50 years. Most of us are oppressed by taxes, constricted by too many contorted rules and  not left very optimistic about our future. Young people are struggling and they dream of leaving the country with the sometimes false belief that abroad they will be happier. In such a dim panorama, strangely enough creativity blossoms and ideas flow. Sometimes the difficulties of daily life and a jolt to those certainties in life oblige your mind to think about new solutions. A working mind often produces good ideas. The government though must find the way to invest in the future and make the process of investing simpler.
The stools above show how a simple versatile object of daily use can be transformed.  The colours represent the hope that things in Italy will get better soon.

E' veramente dure in Italia al momento, siamo in piena recessione, una recessione causata fondamentalmente da come i nostri cari politici hanno governato il paese negli ultimi 50 anni. La maggiorparte di noi sono vessati da tasse, limitati da troppe leggi contorte e non più ottimisti sul futuro. I giovani arrancono e sognano di lasciare il paese in alcuni casi con la falsa convinzione che altrove sarebbero più felici. Più felici non so, in un paese più giusto probabilmente. 
In questo panorama così ottuso, stranamente la creatività fiorisce e le idee sbocciano. A volte le difficoltà della vita quotidiana e una scossa nelle tue certezze obbliga la mente a pensare a nuove soluzioni. Una mente attiva spesso produce buone idee. Il governo italiano però deve trovare il modo di investire sul futuro e di rendere il processo d'investimento dei singoli più fluido.
Gli sgabelli dell foto qui sopra dimostrano come un semplice e versatile oggetto di uso quotidiano può essere trasformato. I colori rappresentano la speranza che le cose in Italia migliorino presto. 


From the top / dall'alto :
- Milking stool by Um Project
- Knitted stools by Claire-Anne O'Brien 
- Colourful stools by Jo Black Designs
- Metal and wooden stools by HARTO design
- Prince Aha stools or occasional tables by Kartell
- DIY painted Frosta stools by Ikea

2 Blue, green plus touches of yellow, pink and red

Can you paint the entire house of blue and green? Yes you can! Just look at this elegant apartment in Milan and how the owner managed to propose different shades of these two relaxing colours. 
I love the combination of deep green, yellow and pink, it is a must this season!
Puoi pitturare tutta la casa di verde e blu! Certo che puoi! Questo bellissimo appartamento a Milano ne è la prova, basta guardare come la proprietaria insieme all'architetto Fiorenza Stringa (e al pittore) sono riusciti a declinare diverse tonalità di questi due rilassanti colori. 
Adoro la combinazione di questo profondo verde, giallo e rosa, è un must questa stagione!
 (Photos by Federico Cedrone for D Casa) 

3 Pretty Pegs




Every month I see quite a few spaces and a lot pieces of furniture. This visual feast makes me wanting to change things in and around my house more frequently than people who don't work in the industry. If you add to that the fact that I am for nature extremely curious and fairly incline to life changes, you can imagine how Alex looks at me when I start the sentence with "Can I tell you something?". Unfortunately I can't always do what I would like to, I don't have the time to fulfill all my impetuses. 
There are out there some clever ideas though that allow you to give to refresh the look of your space only changing  a few details. For instance last May a young Swedish couple decided to invest their marriage funds to open Pretty Pegs, an online shop that sell cute pegs for beds, tables, foot stools, armchairs, sofas and storage cabinets. Take in consideration when you see the prices that Pretty Pegs deliver for free worldwide.  
The red/pastel blue and gold ones look really good, what do you think? 

Vedo ogni mese un pò di case o locali e parecchi pezzi di arredamento. Questo tripudio visivo mi porta a voler risistemare o cambiare delle cose a casa mia più frequentemente delle persone che non lavorano in questo settore. Se poi aggiungi il fatto che sono di natura estremamente curiosa ed abbastanza avventurosa, puoi ben immaginare che faccia fa Alex quando comincio la frase con "Posso dirti una cosa?". Sfortunatamente non mi è possibile fare tutte le cose che vorrei, non ho sfortunatamente il tempo per soddisfare tutti i miei impulsi. 
Ci sono però alcune idee furbe sul web che ti permettono di dare una rinfrescata al tuo spazio modificando solo alcuni dettagli. Ad esempio, lo scorso maggio una coppia svedese ha deciso di investire i propri risparmi destinati al matrimonio per aprire Pretty Pegs, un negozio online che vende gambe molto carine per letti, tavoli, poggiapiedi, poltrone, divani ed armadi. I prezzi potrebbero sembrare un pò alti ma va tenuto in considerazione che Pretty Pegs consegna gratuitamente in tutto il mondo. 
Quelle rosso o verde acqua e oro sono molto bellini, che ne dite? 

3 They all speak about him - Jeremy Scott


The person who managed to transform part of the America's junk culture into elegant fashion deserves my attention even if this means not speaking about interiors for once. Jeremy Scott's first collection for the historic, innovative, fun Italian brand Moschino creates lady-like silhouettes combining McDonald's colours and symbol, Sponge Bob Squarepants' faces, popcorn packaging and much more; the result is explosive and confirms that Jeremy Scott is not just the worthy heir of this fantastic subversive brand but also a very talented avant-garde designer. 
“McDonald’s is a part of our everyday lives,” says Scott to a journalist from The Guardian a few months after launching the inaugural autumn/winter 2014 collection (full article here) “When I design I always pull from things that are significant to me. In my work I search for happiness and then try to convey that joy in the clothes.”
Thankfully something refreshing and light for once.

P.S: I wish I could wear the top right dress for my next birthday. What do you think, is he going to led it to me? 


La persona che è riuscita a trasformare parte del ciarpame Americano in elegante moda merita la mia attenzione, anche se questo significa che per una volta non parlerò d'interni. 

La prima collezione di Jeremy Scott per lo storico, innovativo e divertente brand italiano Moschino crea abiti da signora combinando i colori ed il simbolo di McDonald's, la faccia di Sponge Bob, il packaging dei pop corn e molto altro; il risultato è esplosivo ed è la conferma che Jeremy Scott non è solo erede degno di questo fantastico e sovversivo brand ma anche un talentuoso designer d'avanguardia.  
"McDonald's è parte delle nostra vita di tutti i giorni," dice Scott ad un giornalista del The Guardian pochi mesi fa, dopo il lancio della collezione inaugurale autunno/inverno 2014 (leggi l'intero articolo qui). "Quando disegno, parto sempre da cose che sono per me significative. Nel mio lavoro cerco sempre la felicità e poi provo a trasmettere questa gioia nei vestiti". 
Per fortuna per una volat vediamo qualcosa di nuovo e leggero

 P.S: Quanto mi piacerebbe indossare il vestito in alto a destra per il mio compleanno. Che dite, se glielo chiedo me lo presta?

3 Keep it simple and the Tribeca Penthouse




Keep it simple Elena, concentrate on one thing at time. 
How difficult it is? We are fast-fed people, we read tragic stories summarized in no more than twenty lines, we use emoticons instead of words, we can't bear emptiness so we look at our phone when we are walking, we are always surrounded by too many stimuli, noises, rings and beeps even when we sleep. I am still trying to master the art of doing less but doing it better but it is complicated. I often end up juggling more things at once or interrupting what I am doing to make a phone call or send an email. I crave more simplicity, I feel like a spinning top. And I am not the only one, recently I read a post from the blog La Tazzina Blu about the same subject.
In my approach to decoration I am also heading towards a simpler more elegant style, towards a peaceful ageless quality. 
The interior designer I used to work for, Ilaria Miani, loves Alex Vervoordt, a master in creating stunning spaces through a perfect balance of natural colour and materials. 
Looking at the magnificent job he did with Tasturo Miki for the Tribeca Penthouse of the Greenwich Hotel in New York and in my current state of mind,  I understand what Alex Vervoordt work is all about. It is about living in a timeless spiritual place, having a calm and peaceful nest where the light flows and your mind can relax. More than ever we need to make our houses a safe oasis where to escape the noise, the too many stimuli, the anxiety of our cities. 
Outside it is too much so keep it simple inside

Falla semplice Elena, concentrati su uan cosa alla volta. 
Ma quanto è difficile? Siamo ormai persone fast-tutto, leggiamo storie tragiche riassunte in non più di venti righe, usiamo emoticons invece che parole, non sopportiamo il vuoto e quindi fissiamo il telefono anche quando camminiamo, siamo sempre circondati da troppi stimoli, rumori, squilli e bip vari anche durante il sonno. Sto ancora cercando di padroneggiare l'arte del fare meno ma farlo meglio ma è complicato. Spesso finisco per cimentarmi in più di un compito alla volta o interrompo quello che sto facendo per chiamare qualcuno o mandare un email. Ho bisogno di più semplicità, mi sento una trottola. 
Non sono la sola, leggevo un post sul blog La Tazzina Blu sullo stesso argomento. 
Anche il mio approccio alla decorazione sta andando nella direzione di uno stile più elegante e semplice, verso una pacifica qualità senza tempo.
L'interior designer per cui lavoravo, Ilaria Miani, ama Alex Vervoordt, un maestro nel creare bellissimi spazi attraverso un equilibrio perfetto di colori e materiali naturali. 
Osservando il magnifico risultato ottenuto per la Tribeca Penthouse del Greenwich Hotel di New York con la collaborazione di Tasturo Miki e il mio stato mentale attuale, mi è chiaro qual'è lo spirito del lavoro di Alex Vervoordt. E' basato sul cercare di vivere in un luogo spirituale, di avere un nido di calma e pace dove la luce fluttua come fosse acqua e la mente si rilassa. Più che mai abbiamo bisogno di rendere le nostre case oasi sicure dove sfuggire il rumore, i troppi stimoli, l'ansia delle nostre città. 
Fuori è troppo quindi falla semplice dentro.  

1 Zara Home bed linen


I think I am almost ready to cuddle up with my duvet again having packed it away at the beginning of summer. The last weekend spent in England where the temperature is mild, but more appropriate for the season, reminded me that the pleasure of winter is warm, snuggly bed. Not to be found unprepared, I am going to buy some new bedlinen from Zara Home. I generally shop there for sheets and sometimes photo frames. 
The quality of the cotton is good and I always find  some elegant but trendy designs there
Keep in mind that in September the shipping is free when you order online!

Mi sa che sono quasi pronta ad aggomitolatmi sotto al piumino. Il fine settimana scorso, passato in Inghilterra dove la temperatura è mite ma più appropriata a questa stagione, mi ha ricordato che il piacere dell'inverno è un letto caldo. Per non farmi trovare impreparata, andrò comprare della nuova biancheria da letto da Zara Home. Generalmente compro lì lenzuola e a volte cornici per foto. La qualità del cotone è buona ed hanno sempre dei design di tendenza ma eleganti. 
Tieni presente che a Settembre, se compri online, la spedizione è gratis!

1 The world is pink: The Gallery by India Mahdavi

India Mahdavi has struck again. She signed the new interior of The Gallery, the London brasserie inside Sketch, the avant-garde restaurant, bar, art gallery owned by Mourad Momo Mazouz (see my post about The Glade, another bar inside Sketch). 
She must have watched Mad Man: the inspiration clearly comes from the late Forties and Fifties but everything is in a face powder pink shade, ceiling included. The Gallery is not an easy space to decorate; it's one big room with a high ceiling where furniture and details can seem lost and it is difficult to communicate a uniform aestethic concept at a first glance. But India Mahdavi managed again to do a superb job. The soft delicate pink makes the eye following through the space and it enhances the magnificent floor made of over 90 different types of marble by Martin Creed (that was there already). The 239 black and white illustrations by David Shrigley hung all along the walls give it a contemporary urban feeling. The undivided sofa benches in smooth velvet are practical (you can eventually squeeze more people in) and make it cosy, the lights on the tables create an intimate atmosphere (I have always wondered why nobody has ever used them again). Not to mention the fabulous combination of this gorgeous pink and the warm copper shade of some details and the bar background. Superb. India, you never disappoint me.

India Mahdavi ha colpito ancora. Ha recentemente firmato gli interni di The Gallery, la brasserie all'interno del londinese Sketch, l'avanguardistico ristorante, bar e galleria d'arte di Mourad Momo Mazouz (leggi il mio post su The Glade, un altro bar all'interno di Sketch). 
Deve aver visto la serie Mad Man,l'ispirazione viene chiaramente dagli anni quaranta e cinquanta ma il tutto è proposto in un bellissimo rosa cipria, soffitti inclusi.
The Gallery non è uno spazio facile da decorare; è praticamente una grande stanza con soffitti altissimi, gli arredi ed i dettagli si perdono in un ambiente del genere ed è difficile comunicare al colpo d'occhio un concetto estetico unitario. India Mahdavi è riuscita ancora a fare un ottimo lavoro. Il rosa morbido e delicato fa viaggiare l'occhio ed esalta lo spettacolare pavimento fatto di oltre 90 marmi diversi opera di Martin Creed (posato precedentemente). Le 239 illustrazioni bianche e nere di David Shrigley appese lungo le pareti danno all'insieme un aspetto più urbano e contemporaneo. I divanetti in liscio velluto senza divisioni sono pratici (ospitano all'occorrenza più persone) e lo rendono accogliente, le luci sui tavoli creano un'atmosfera intima (mi sono sempre chiesto perchè erano cadute in disuso). Senza dimenticare il meraviglioso abbinamento fra il rosa cipria ed il caldo color rame presente in alcuni dettagli e nello sfondo del bar. Bellissimo.  

India, non mi deludi mai.

2 The Painted House paint rollers

I have started the week with a smile on my face having spent a nice lazy weekend with some old friends.
On Saturday my friend Stefano -a cocktail bar manager who recently moved back to Rome after over 10 years between London and Dubai- organized an intimate cocktail party on his terrace and he spent all night making some wonderful cocktails for us. Can you think of anything better of chatting with the people you love and sipping watermelon martinis (amongst the others) on a warm summer Roman night? On Sunday we were invited by some other friends, Stesi and Marzia, to eat a very tasty American style BBQ in his lovely garden. As soon as I arrived I noticed that their house was looking much better organized and not just because they had tidied it up: it was evident the effort they had made to make the place prettier, they had also started to think about how to display objects and colours. I was really chuffed when Marzia said that she was inspired by my blog. It is the positive comments more than the growing number of visitors that make it worth it. 
Today I want to speak about a simple clever idea by The Painted House that I would like to have. It is a paint roller with two rolls, one is a sponge that collects the paint and the other is a stamp that imprints the pattern onto the wall. It is a valid alternative to wallpaper, it doesn't cost much, it seems easy to use,  it can be used on different materials and unlike  wallpaper it allows you to change your mind more often, you can just paint it over. I wanted to try it on my entryway but I don't have the time at the moment, when I do, I'll post some pics. 
The idea is original but at least 100 years old, Clare Bosanquet took it from Romania and she gave it a modern twist. These 'magic' decorative rolls (worldwide) are sold on The Painted House website and the photos come from there.


Ho cominciato la settimana con un sorriso sulle labbra dopo aver passato un bel pigro weekend con i miei amici. 
Sabato sera Stefano, un amico cocktail bar manager tornato a Roma recentemente dopo aver passato oltre 10 anni a Roma e a Dubai, ha organizzato un cocktail party nel suo terrazzo. Riuscite a pensare a niente di meglio che chiacchierare con le persone a cui vuoi bene mentre sorseggi Watermelon Martini (per citarne uno dei tanti, il mio preferito)? Domenica siamo stati invitati da altri amici, Stesi e Marzia, per un saporitissimo barbeque in stile americano nel loro giardino. Appena sono arrivata ho notato che la casa era organizzata molto meglio e non solo perchè avevano messo a posto: era evidente l'intenzione di rendere lo spazio più bello, era evidente che avevano pensato a come disporre gli oggetti ed i colori. Mi ha fatto molto piacere quando Marzia ha detto che il mio blog l'aveva ispirata. Sono i commenti più che il crescente numero delle visualizzazioni che dà valore al tutto. 
Oggi volevo presentarvi un'idea intelligente disponibile presso The Painted House che avrei voluto avere io. E' un rullo da pittore che in realtà ha due rulli: uno è una spugna che prende la vernice, uno invece funge da timbro. E' una valida alternativa alla carta da parati, non costa molto, sembra facile da usare, può essere adoperato su materiali differenti e, a differenza della carta da parati, ti permette di cambiare idea facilmente, basta ripitturare. Volevo provarlo nel mio ingresso ma non ho avuto tempo, appena lo farò, pubblicherò delle foto.  
L'idea è originale ma almeno vecchia di cent'anni, Clare Bosanquet l'ha presa dalla Romania e gli ha dato nuovo lustro. I suoi rulli magici sono in vendita sul sito The Painted House (spedizione in tutto il mondo)e le foto provengono da lì.