0 I love Instagram

I love Instagram, it is so immediate, a visual feast! 
Above there is the screen shot of the photos I have published recently, taken all over the places (Rome, Ibiza, Milan, London, Parma, Sardinia....). 
If you want to follow me on Instagram, look for elena_plusdeco
I am going to get an Iphone 6 soon, so better photos  are to come (at the moment I have an old Samsung with a broken screen, auch)!

Adoro Instagram, è così immediato, una festa per gli occhi! 
Sopra c'è una foto dello schermata con le foto che ho pubblicato recentemente, prese un pò in giro (a Roma, Ibiza, Milan, Londra, Parma, Sardegna...). 
Se volete seguirmi su Instagram, cercate elena_plusdeco.

Presto prenderò un Iphone 6 e poi ne vedrete delle belle o, meglio, più belle (al momento ho un Samsung con lo schremo rotto)!

2 They all speak about: Camille Walala

My previous posts entitled "They all speak about:..." were dedicated to Jeremy Scott, Tori MurphyJessica Light, Yayoi Kusama, all creative minds able to anticipate the new visual trends and use the past to create an innovative and eye catching product. Some, like Jeremy Scott and Yayoi Kusuma are almost walking brands now, some, like Tori Murphy and Jessica Light are artisans as well as designers. I don't write many posts with these titles because they are not many personalities who catch my attention because able to produce an idea that becomes a media success almost overnight
Camille Walala did so a little while ago with her collection for Aria Shop and in the last few months she has been published everywhere. 
The inspiration from the Memphis Group is striking as evidence that copying is good if that means taking inspiration and creating something new, no forging. 
camille walala
 I  miei post predenti intitolati "They all speak about:..." (Tutti parlano di...) erano dedicati a Jeremy Scott, Tori MurphyJessica Light, Yayoi Kusama, menti creative capaci di anticipare un nuovo trend visuale e usare il passato per creare prodotti innovativi che catturano l'attenzione. Alcuni, come Jeremy Scott e Yayoi Kusuma sono quasi dei brand che camminano adesso, altri, come Tori Murphy e Jessica Light sono artigiani oltre che essere designers. 
A dire il vero, non scrivo molti posti con questo titolo, in realtà non ci sono molti personaggi che catturano la mia attenzione e capaci di produrre un'idea che diventa un successo mediatico quasi dal giorno alla notte.  
Camile Walala, con la sua collezione per Aria Shop, c'è riuscita e negli ultimi mesi è stata stra-pubblicata. 
L'ispirazione dal Memphis Group e' evidente come prova del fatto che copiare è bene se  significa prendere ispirazione per creare qualcosa di nuovo, non plagiare. 

aria shop
aria shop
aria shop
aria shop
aria shop

Photos from Aria website and Itisnicethat. 

0 Watercoloured cushions

Hello everyone, I am having a calm September thankfully, it is always the same in Italy after the 'national' August break, it takes a few weeks for people to go back on track properly and organize the new projects. 
I have a few things lined up, it is just a question of sitting back, waiting and enjoying a slower pace (not really good at doing that, but getting better).
I was thinking of changing the curtains in some rooms of my house and experiment new ideas. 
For the living room, I wanted to get some white military net and see how it looks in an interior (they are used sometimes as outdoors gazebos covers). 
For the bedroom I would like some water colored fabric with a white background. I was inspired by these amazing cushions by interior designer Suzie Mac Adam (sold here, check it out, some are on sale now) and by the collection designed by Jessica Zoob for Romo Black Edition named Desire (see photo below). 

Ciao a tutti, è un calmo Settembre per me fortunatamente, è sempre lo stesso in Italia dopo la pausa estiva 'nazionale', ci vogliono alcune settimane prima di tornare propriamente in carreggiata e  cominciare ad organizzare le nuove iniziative. 
Ho alcuni progetti in partenza, è solo una questione di aspettare e godersi un ritmo più tranquillo. 
Pensavo di cambiare le tende in alcune stanze della mia casa e sperimentare nuove idee. 
Per la sala, volevo prendere della rete militare bianca e vedere come sta in un interno (è usata a volte come coperture di terrazzi o gazebi). Nella stanza da letto volevo un tessuto bianco colorato ad acquarello
Sono stata ispirata dai coloratissimi cuscini dell'interior designer Suzie Mac Adam (venduti qui, date un'occhiata alcuni sono in saldo) e dalla collezione di  Jessica Zoob per Romo Black Edition chiamata Desire (vedi foto sotto).  

0 Paper flowers

Hello everyone, the flowers pictured below are by Livia Cetti, a floral and still-life stylist and crafter. They look real but they are actually made of tissue and crepe-paper. 
These beautiful images  are from Design Sponge but there are many more on her website The Green Vase, it is worth a visit. 
I love all this pink, it is very romantic!

Ciao a tutti, i fiori nelle foto qui sotto sono di Livia Cetti, una stylist e creatrice di fiori. Sembrano veri ma in realtà sono fatti di tessuto e carta pesta. 
Queste bellissime immagini sono di Design Sponge ma ce ne sono molte altre sul suo sito The Green Vase, vale la pena farsi un giro. 
Adoro tutto questo rosa, è veramente romantico!

paper textile flowers
paper, textile flowers
paper, textile flowers
paper,textile flowers
paper, textile flowers
paper textile flowers
paper, textile flowers

2 Those who search find (themselves)

In the September issue of Marie Claire Maison Italia, there is such an inspiring editorial written by the head editor Cinzia Felicetti. A part from being a stunning lady, Cinzia Felicetti is a talented editor and writer. Her editorials always makes me  think. 
This is my translation:
"In comparison to past centuries, today we can count on a refreshing freedom of expression. However, I only know a very few lucky people able to defend their spirit without making any compromises. The conditioning is not so much external (ethical codes, cultural values, indestructible /untarnished traditions) but linked to a deeply-rooted personal fragility
Society imposes upon us relentless targets, to which we respond to by trying to pursue approval, admiration, stability and security. We aim for professional fulfillment, aesthetic perfection, a house from a glossy magazine or a status symbol car, often without asking ourselves if those goals are really what we want or if they actually come from an ephemeral sense of comfort guaranteed by our compliance to the predominant model.
A dualism between the human desire of belonging/identification and the intimate need to be loved for what we are originates from this. But if we feed ourselves with certainties - regarding success or happiness- that other people have tailored for us, the risk is that our soul will perish from malnutrition. Being out of sync with ourselves brings a detachment from our conscience. And when we are detached from the "permanent centre of gravity" (to quote G.I Gurdjieff) it is not uncommon to feel the same homesickness experienced during a long trip, even if in this case the missed abode is within.
Another widespread feeling is an anxiety that wraps your heart up and
that can be fought, according to the Danish philosopher S
øren Kierkegaard, by choosing to be what we really are and not what the ego imposes upon us. A right or wrong way to be authentic doesn't exist, but the main requirement in order to achieve this original state of grace again is represented by acknowledgement and acceptance. Even if, for a long time, we have repressed and neglected the most brightest aspects -creativity, spontaneity, empathy or energy- we can return to a state of harmonious balance. It is just a question of letting the dead weight, that we don't need anymore, go without any afterthought, in order to embrace with faith what is worth finding.
The ability of discernment is like a muscle; only when trained with regularity can it lead you to strong and conscious decisions, able to honour mind, body and spirit. But it is worth it, because it corresponds to the difference between living and surviving."
Cinzia Felicetti (photo by Stefania Giorgi)

Nel numero di Settembre di Marie Claire Maison Italia c'è un stimolante editoriale scritto dalla direttrice Cinzia Felicetti. A parte essere una bellissima donna, Cinzia Felicetti è una direttrice e scrittrice di talento. I suoi editoriali mi fanno sempre pensare.
Eccolo, riportato in toto: 

"In confronto ai secoli passati, oggi possiamo contare su una rinfrescante libertà di espressione. Eppure, conosco pochissimi eletti in grado di salvaguardare la loro essenza senza scendere a compromessi. I condizionamenti non sono tanti esterni(codici etici, valori culturali, tradizioni inossidabili), quanto legati a un'denemica fragilità personale. 
La società ci pone degli obiettivi implacabili, ai quali rispondiamo perseguando approvazione, ammirazione, stabilità, sicurezza. Aneliamo alla realizzazione professionale, alla perfezione estetica, a una residenza da rivista patinata o all'auto status symbol, spesso senza chiederci se quei traguardi siano davvero sentiti o derivino piuttosto dall'effimero senso di comfort garantito dal nostro adeguamento al modello prevalente. 
Ne scatursice un dualismo e l'intima esigenza di essere amati per quello che siamo. Ma se ci cibiamo di convinzioni -rigaurdo al successo o alla felicità- che altre persone hanno confezionato per noi, il rischio è che l'anima perisca di denutrizione. Essere fuori sincrono rispetto a se stessi porta ad un distacco dalla propria coscienza. E quando si è scollegati dal "centro di gravità permanente" (per citare G.I Gurdjieff) non è raro provare la stessa nostalgia di casa sperimentata durante un lungo viaggio, anche se nella fattispecie la dimora, è quella interiore. 
Un'altra sensazione diffusa è un'ansia che sembra avvolgere il cuore e, secondo il filosofo danese Søren Kierkegaard, si combatte scegliendo di essere ciò che siamo veramente e non quello che che ci impone l'ego. Non esiste un modo giusto di essere autentici, ma il presupposto fondamentale per riguadagnare questo stato di grazia originario passa attraverso la presa d'atto e l'accettazione. 
Anche se abbiamo a lungo represso o trascurato le nostre sfacettature più luminose - creatività, spontaneità, empatia, gentilezza o effervescenza- possiamo tornare a una condizione di armonioso equilibrio. Si tratta di lasciar andare senza ripensamenti le zavorre di cui non abbiamo più bisogno, cogliere con fiducia quello che merita di essere trovato. 
Le capacità di discernimento è come un muscolo: solo se allenato con regolarità porta a compiere scelte forti e consapevoli, capaci di onorare mente, corpo e spirito. Ma ne vale la pena, poichè corrisponde alla differenza tra vivere e sopravvivere."

0 Ikea kitchens hacked by Reform architects

Over the last 3 years I have bought 5 Ikea Faktum kitchens for my clients. 
As a matter of fact, Ikea kitchens are a valid option for people who don't want to invest much in a kitchen because they are on a budget or because they are furnishing a holiday house. In my opinion, you either go for a very beautiful product or you buy an Ikea kitchen; the options in between often don't work and you end up spending more but still not having a customized quality kitchen. 
I always purchase the same model in Ikea, the white lacquered Faktum, now replaced with the Metod range. It is linear, it reflects the light, it looks good and it doesn't show dirt as much; of course it lacks the details that make it personal.
Reform solves the problem. The company has collaborated with some Danish architects to offer personalized options to the Ikea Metod panels and tabletops. 
It is very easy, as  it states on the website  "send us your IKEA order confirmation and work drawings along with your choice of Reform kitchen and tabletop style and colour. Shortly after, we will send you an order confirmation and as soon as you accept it, your kitchen fronts will arrive within 3–4 weeks." 
It is definitely worth giving it a go, what do you think?  
(photos from the Reform website)

Nei gli ultimi tre anni ho comprato 5 cucine Ikea per dei miei clienti. 
E' indubbio che le cucine di Ikea sono una valida alternativa per chi non vuole spendere tanto o perchè ha un budget da rispettare o perchè sta arredando una seconda casa. 
A mio avviso, o acquisti una cucina veramente bella o la compri da Ikea. Le vie di mezzo non funzionano, finisci per spendere di più senza comunque avere un prodotto di indubbia qualità.  
Compro sempre lo stesso modello di cucina, la Faktum, adesso Metod, laccata bianca. E' lineare, fa una bella figura, riflette la luce e non si vedono troppo ditate e aloni. Ovviamente però non ha nulla di particolare che la distingue.
Reform risolve il problema. Lo studio collabora con alcuni architetti danesi per offrire personalizzazioni su misura di sportelli e piani della cucina Metod di Ikea
E' molto facile, come leggiamo sul sito:" mandaci la conferma d'ordine ed il progetto con l'indicazione di che stile e colore di cucina e piani Reform hai scelto. Subito dopo ti manderemo una conferma d'ordine e una volta accettata, i tuoi sportelli arriveranno in 3 o 4 settimane ". 
Vale la pena provare, che dite?
(foto dal sito Reform)

2 7 easy DIY copper planters projects

As you probably know by now, I want to move to a bigger apartment soon, so  I am desperately trying to resist the temptation to renovate the flat where we are at the moment. Our current abode needs a serious repaint after three years of serious toddler fingers making their mark on the walls and in my book also a general restyling. Sometimes, in these circumstances, one needs a little D.I.Y project.
These 7 D.I.Y projects to make copper planters give a bit of sparkle to your house and are easy and low cost.  
I particularly like the first one from top, and you

Voglio una casa più grande alla fine di quest'anno o inizio anno prossimo quindi sto resistendo alla tentazione di rinnovare l'appartamento in cui vivo adesso. Dopo 3 anni di ditate di Giulio, avrebbe bisogno almeno di una seria ripitturata e a mio avviso anche di un restyling generale. In circostanze come questa, ci vuole qualche piccolo progettino 'fai-da-te'. 
Questi 7 progetti per fare porta-vasi e vasi di color rame, aggiungono un pò di luce alla casa e sono facili e economici. 
A me piace il primo dall'altro, a voi?
from The Jungalow
from Homeyohmy

from Wedding Chicks
from Homeyohmy
from The Anastasia Co.
from A Bubbly Life
from Poppy Talk

3 Ibiza interiors

I am back from Ibiza where  I first spent an amazing week with my London friends and then three rainy days on a boat with my sister and her boyfriend. I have to be honest, it took me a while to fully understand the island and at first I thought it was overrated. 
I love wild sea places where the nature is the uncontested star and Ibiza is not like that, it is very built up in some places with horrible blocks of flats. 
But this is not the point. 
It is, first of all, the island of music. Here you can listen to the best music, everywhere. It is also a place where the rich and 'poor' live together because Ibiza offers something for everybody. Contained in a surface of 41 x 15 kilometers you can find bars serving the full English breakfast for a few euros or the most expensive restaurant in the world, typical fincas famous for their tapas and Japanese design restaurants. 
Very efficient organization and a certain 'live and let die' attitude makes all of these different offers possible and thousands of people live together in perfect harmony. 
In the Seventies Ibiza attracted  a hippy community that slowly grew and colonized the island. This hippy spirit is preserved in the Ibiza fashion mood (the most common outfit seems to always be sandals, white clothes, colourful handbags, big earings) and in the decoration of its fabulous villas. 
I have selected for you a few photos of Ibiza interiors as an inspiration. I love the wall behind the double bed in the Villa Surga (Harissa Villas) and the wall in the living room in the Villa Mooie Nisjes (Harissa Villas). If you decide to do that in your house, remember that what you display on the shelves makes the difference. 
The headboards of the single beds are made of branches  and the beach umbrella used as a decoration in the amazing Lluis Galliussi's interiors are ideas to copy. Lluis Galliussi's interiors are never predictable, I really admire him. 
The wooden table on the top picture is to die for. 
So did I convince you? A weekend in Ibiza next summer? 

Sono appena tornata da Ibiza dove ho passato dei giorni meravigliosi prima con i miei amici di Londra poi, gli ultimi tre giorni (di cui due piovosi purtroppo), in barca con mia sorella. Mi ci è voluto un pò per capire a pieno l'isola e all'inizio ho pensato che fosse sopravvalutata. 
Amo i posti di mare selvaggi in cui la natura è indiscussa protagonista ed Ibiza non è sempre così, è in parti molto costruita, ha orrendi condomini di appartamenti e parti che sembrano una città. 
Ma non è questo il punto. Prima di tutto, è l'isola della musica. Qui puoi sentire la musica migliore, ovunque. 
E' inoltre il posto dove ricchi e 'poveri' convivono perchè Ibiza offre tutto per tutti. In una superficie di 41 x 15 chilometri puoi trovare bar che servono la colazione inglese per pochi euro ma anche il più caro ristorante al mondo, fincas tipiche famosi per le tapas e ristoranti giapponesi di design. 
Un'organizzazione efficiente ed una certa attitudine al 'vivi e lascia vivere' fa sì che tutte queste offerte ed i milioni di visitatori estivi convivano in perfetta armonia. 
Ibiza ha attratto negli anni Settanta una comunità hippy che lentamente ha colonizzato l'isola. Lo spirito hippy è rintracciabile nel mood della moda (la mise più in voga sembra  essere da sempre sandali, vestiti bianchi, borse colorate, grossi orecchini) e nel mood della decorazione che mischia etnico e stile grecia. 
Ho selezionato per voi alcune foto dei suoi interni da ispirazione. Mi piace moltissimo il muro dietro al letto matrimoniale nella Villa Surga (Harissa Villas) o nel living della Mooie Nisjes villa (Harissa Villas). Mi raccomando, se lo fate ricordatevi che quello che mettete sulle mensole fa la differenza. 
Da copiare l'idea delle testiere dei letti singoli fatte di rami e l'ombrellone da spiaggia come decorazione negli interni di Lluis Galliussi, che adoro. 
Per non parlare del tavolo in legno nella prima foto dall'alto, stupendo. 
Allora, vi ho convinto? Weeekend ad Ibiza? 

2 Your support is important!

Hello everyone, I have been nominated for the Amara Interior Blog Awards #IBA15 in the category Best European Interior Blogs. If you like my blog, please vote for me here, it takes only a few seconds. I have never paid for followers or comments or likes so your support is essential. 
You can vote until Friday 18th September on the Amara Interior Blog Awards website

Ciao a tutti, sono stata nominata per l'Amara Interior Blog Awards #IBA15 nella categoria Best European Interior Blogs (Migliori blog Europei di Interni). Se vi piace il mio blog, per favore votate qui, ci vuole solo qualche secondo. Non ho mai pagato per followers, commenti o 'mi piace' quindi il vostro supporto è fondamentale. 
Potete votare fino a Venerdì 18 Settembre sul sito Amara Interior Blog Awards.

You might also like

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...