Pagine

1 The world is pink: The Gallery by India Mahdavi

India Mahdavi has struck again. She signed the new interior of The Gallery, the London brasserie inside Sketch, the avant-garde restaurant, bar, art gallery owned by Mourad Momo Mazouz (see my post about The Glade, another bar inside Sketch). 
She must have watched Mad Man: the inspiration clearly comes from the late Forties and Fifties but everything is in a face powder pink shade, ceiling included. The Gallery is not an easy space to decorate; it's one big room with a high ceiling where furniture and details can seem lost and it is difficult to communicate a uniform aestethic concept at a first glance. But India Mahdavi managed again to do a superb job. The soft delicate pink makes the eye following through the space and it enhances the magnificent floor made of over 90 different types of marble by Martin Creed (that was there already). The 239 black and white illustrations by David Shrigley hung all along the walls give it a contemporary urban feeling. The undivided sofa benches in smooth velvet are practical (you can eventually squeeze more people in) and make it cosy, the lights on the tables create an intimate atmosphere (I have always wondered why nobody has ever used them again). Not to mention the fabulous combination of this gorgeous pink and the warm copper shade of some details and the bar background. Superb. India, you never disappoint me.

India Mahdavi ha colpito ancora. Ha recentemente firmato gli interni di The Gallery, la brasserie all'interno del londinese Sketch, l'avanguardistico ristorante, bar e galleria d'arte di Mourad Momo Mazouz (leggi il mio post su The Glade, un altro bar all'interno di Sketch). 
Deve aver visto la serie Mad Man,l'ispirazione viene chiaramente dagli anni quaranta e cinquanta ma il tutto è proposto in un bellissimo rosa cipria, soffitti inclusi.
The Gallery non è uno spazio facile da decorare; è praticamente una grande stanza con soffitti altissimi, gli arredi ed i dettagli si perdono in un ambiente del genere ed è difficile comunicare al colpo d'occhio un concetto estetico unitario. India Mahdavi è riuscita ancora a fare un ottimo lavoro. Il rosa morbido e delicato fa viaggiare l'occhio ed esalta lo spettacolare pavimento fatto di oltre 90 marmi diversi opera di Martin Creed (posato precedentemente). Le 239 illustrazioni bianche e nere di David Shrigley appese lungo le pareti danno all'insieme un aspetto più urbano e contemporaneo. I divanetti in liscio velluto senza divisioni sono pratici (ospitano all'occorrenza più persone) e lo rendono accogliente, le luci sui tavoli creano un'atmosfera intima (mi sono sempre chiesto perchè erano cadute in disuso). Senza dimenticare il meraviglioso abbinamento fra il rosa cipria ed il caldo color rame presente in alcuni dettagli e nello sfondo del bar. Bellissimo.  

India, non mi deludi mai.

2 The Painted House paint rollers

I have started the week with a smile on my face having spent a nice lazy weekend with some old friends.
On Saturday my friend Stefano -a cocktail bar manager who recently moved back to Rome after over 10 years between London and Dubai- organized an intimate cocktail party on his terrace and he spent all night making some wonderful cocktails for us. Can you think of anything better of chatting with the people you love and sipping watermelon martinis (amongst the others) on a warm summer Roman night? On Sunday we were invited by some other friends, Stesi and Marzia, to eat a very tasty American style BBQ in his lovely garden. As soon as I arrived I noticed that their house was looking much better organized and not just because they had tidied it up: it was evident the effort they had made to make the place prettier, they had also started to think about how to display objects and colours. I was really chuffed when Marzia said that she was inspired by my blog. It is the positive comments more than the growing number of visitors that make it worth it. 
Today I want to speak about a simple clever idea by The Painted House that I would like to have. It is a paint roller with two rolls, one is a sponge that collects the paint and the other is a stamp that imprints the pattern onto the wall. It is a valid alternative to wallpaper, it doesn't cost much, it seems easy to use,  it can be used on different materials and unlike  wallpaper it allows you to change your mind more often, you can just paint it over. I wanted to try it on my entryway but I don't have the time at the moment, when I do, I'll post some pics. 
The idea is original but at least 100 years old, Clare Bosanquet took it from Romania and she gave it a modern twist. These 'magic' decorative rolls (worldwide) are sold on The Painted House website and the photos come from there.


Ho cominciato la settimana con un sorriso sulle labbra dopo aver passato un bel pigro weekend con i miei amici. 
Sabato sera Stefano, un amico cocktail bar manager tornato a Roma recentemente dopo aver passato oltre 10 anni a Roma e a Dubai, ha organizzato un cocktail party nel suo terrazzo. Riuscite a pensare a niente di meglio che chiacchierare con le persone a cui vuoi bene mentre sorseggi Watermelon Martini (per citarne uno dei tanti, il mio preferito)? Domenica siamo stati invitati da altri amici, Stesi e Marzia, per un saporitissimo barbeque in stile americano nel loro giardino. Appena sono arrivata ho notato che la casa era organizzata molto meglio e non solo perchè avevano messo a posto: era evidente l'intenzione di rendere lo spazio più bello, era evidente che avevano pensato a come disporre gli oggetti ed i colori. Mi ha fatto molto piacere quando Marzia ha detto che il mio blog l'aveva ispirata. Sono i commenti più che il crescente numero delle visualizzazioni che dà valore al tutto. 
Oggi volevo presentarvi un'idea intelligente disponibile presso The Painted House che avrei voluto avere io. E' un rullo da pittore che in realtà ha due rulli: uno è una spugna che prende la vernice, uno invece funge da timbro. E' una valida alternativa alla carta da parati, non costa molto, sembra facile da usare, può essere adoperato su materiali differenti e, a differenza della carta da parati, ti permette di cambiare idea facilmente, basta ripitturare. Volevo provarlo nel mio ingresso ma non ho avuto tempo, appena lo farò, pubblicherò delle foto.  
L'idea è originale ma almeno vecchia di cent'anni, Clare Bosanquet l'ha presa dalla Romania e gli ha dato nuovo lustro. I suoi rulli magici sono in vendita sul sito The Painted House (spedizione in tutto il mondo)e le foto provengono da lì.

4 The trend of the moment : tropical leaves


I have always been into tropical and colonial looks so I am really happy to see designers such as Matthew Williamson and Christian Lacroix embracing the primitive fascination of palm tree forests in their new collections (for Osborne & Little and Designers Guilds, respectively). Plants -as I've stated other times before - are a great way to decorate, so why not introduce explosive shades of green into fabrics and wall papers! The choice is wide nowadays, for every taste and pocket; here are some of the most interesting designs. 
I really like the armchair upholstered in Pierry Frey Mauritius linen, it is fabulous. 
House of Hackney has invested a lot in the ever green design pictured below, launching  Palmeral, a line of lampshades, screens, hot pads, mugs and so on. I like the notepads and the deck chair but I am not sure about the clothing and the black lampshades: it is a succesful design but I think we are slightly exaggerating here. 
Another classic is the Martinica Banana Leaf wall paper designed in 1942 by Don Loper for the Beverly Hills Hotel and sold ever since.  
What do you think? Are you in touch with your primitive side?


Il look tropicale o coloniale mi è sempre piaciuto, per cui sono molto contenta di vedere che designer come Matthew Williamson or Christian Lacroix hanno ceduto al fascino primitivo della foresta di palme nelle loro nuove collezioni (rispettivamente per Osborne & Little and Designers Guild). Le piante -come ho detto altre volte- rappresentano un'ottima soluzione decorativa, perchè quindi non introdurre tonalità esplosive di verde nei tessuti o nella carta da parati! La scelta al momento è vasta, incontra tutti i gusti e tutte le tasche; oggi  prendo in considerazione solo alcune delle proposte più interessanti. 
Adoro la poltrona foderata con il lino Mauritius di Pierre Frey, è divertente. 
House of Hackney ha investito molto sul classicheggiante design della foto in basso, lanciando Palmeral, una linea di paralumi, paraventi, presine, tazze e chi più nè ha più ne metta. Mi piacciono i quaderni e le sdraio ma i vestiti e i paralumi scuri non mi convincono: è un disegno ever-green ma così mi sembra che si esageri un pò.
Un altro classico è la carta da parati  Martinica Banana Leaf disegnata nel 1942 da Don Loper per il Beverly Hills Hotel e in commercio da allora.
E voi? Siete pronti a sfoderare il vostro lato primitivo?


From the top left/dall'alto a sinistra:
- Mauritius from Pierre Frey
- Martinica Banana Leaf wallpaper by Don Loper available at DW Los Angeles
- Jardin Exo'chic - Bouganvillier cotton by Christian Lacroix for Designers Guild 
- Palma Verde by Micheal Szell for Christopher Farr
- Armchair upholstered in Curica by Micheal Szell for Christopher Farr
- Sunbird cotton and wall covering by Matthew Williamson for Osborne & Little 
At the bottom /in basso:
- Palmeral cotton, linen, wall covering and much more for House of Hackney

1 Rope furniture

You can take inspiration everywhere. 
I have always thought that ropes could be good material for new designs and in fact there are a few out there already. I love rope because it is resistant, doesn't bobble, is highly tactile even if preserves the idea of softness typical of textile and, above all, it carries with it the fascination of sailing and fishing. I really would like to buy a rope rug, I saw a few in La Maddalena but they were black and expensive. Maybe I shall make my own!
If you fancy a bit of DIY  to get you in the autumn mood, follow Design Sponge's advice and make your own rope door stop with sea ropes but also with climbing ropes!
L'ispirazione è ovunque. 
Ho sempre pensato che le cime fossero un buon materiale per nuovi design e di fatti ce ne sono già alcuni sul mercato. Amo le cime perchè sono resistenti, non fanno pallini, sono estramamente materiche ma conservano l'idea della morbidezza del tessuto e soprattutto ricordano il fascino del navigare e pescare. Volevo prendere un tappeto fatto di corda a La Maddalena ma erano solo neri ed erano troppo cari. Forse dovrei farne uno!
Se avete voglia di cimentarvi con un pò di DIY per entrare meglio nel clima autunnale, seguite i consigli di Design Sponge e create da soli un bel  ferma-porte con cime nautiche ma anche con corde da arrampicata!

from the top : 
- Femme chair by Studio Rik Ten Velden
- Versatile furnishing Selischaft by Seilfaktur, made by  
   climbing ropes
- Hypha collection by Position
- Lauren bed by Bruce Marsh

2 La Maddalena (Sardinia) - The vegetation



P.S: Look at the cute tiny house in the picture at the bottom. You can't see it from the photo but on its left there is a stunning little bay and white sandy beach. 

P.S: Guarda che carina la mini-casetta nella foto in basso. Non si vede dalla foto ma alla sua sinistra c'è una meravigliosa piccola baia e una spiaggia di sabbia bianca. 

3 La Maddalena (Sardinia) - Rock

Sardinia is not only stunning beaches and crystal water. For me Sardinia - the archipelago of La Maddalena- is also about the infinite shapes and shades of the rock and the heady smell of the vegetation. 
I come back calm and recharged inside. I am ready.

La Sardegna non è solo spiagge incantevoli e acque cristalline. Per me la Sardegna -l'arcipelago de La Maddalena- è le infinite forme e sfumature delle sue formazioni rocciose e l'inebriante profumo della vegetazione. 
Torno calma e carica nell'animo. Sono pronta. 

1 Lucy Barthust's East London house


Hello lovely people! Here I am again from Sardinia, all happy and recharged. This holiday is working the magic, I am resting, doing some yoga, swimming, reading, getting inspired and spend some quality time with my boys. I needed some time to gather my thoughts, I feel inspired already for the next year (I believe in school's years, from September to August).
Before leaving I have scanned some pics from Lucy Barthust's house in East London. I love it because she interprets this massive vintage look trend in a balanced and elegant way. Lucy Barthust works with vintage textiles (you can tell by the gorgeous linen, lace and velvet curtains) for big brands like Retrouvious, a to dream-for job.  

Buonasera bella gente! Eccomi di nuovo, dalla Sardegna, felice e ricaricata. Questa vacanza sta funzionando a meraviglia, mi sto riposando, nuotando, facendo yoga, leggendo, inspirando e divertendomi con i miei uomini (che detta cosi' sembra da censura). Avevo bisogno di un po' di tempo per riunire i pensieri e mi sento gia' energizzata, quasi pronta per il nuovo anno (io credo negli anni scolastici,  da Settembre ad Agosto). 
Prima di partire ho scannerizzato queste foto della casa ad est di Londra di Lucy Barthust, perche' coniuaga bene questo trend imperante del vintage, mostrando equilibrio ed eleganza. Lucy Barthust lavora con tessuti d'epoca (si evince dalle meravigliose tende in pizzo, lino e velluto) per noti brand come Retrouvious, un lavoro da sogno.

Photos by Jake Curtis from "Elle Decoration" May 2014.

0 Italian Riviera Colour Palette

A quick post from the seaside (my pics to come)! I have trouble to connect which I suppose makes my holiday a real holiday, considering that generally I generally spend my days glued to the computer or the phone. I wanted to share this beautiful colour palette from the August issue of Home & Garden. It is absolutely spot on and the demonstration that inspiration comes from what surrounds you. Happy August, I will post again soon now I found a corner with a decent connection!

Un post veloce dal mare (le mie foto a seguire)! Faccio fatica a connettermi qui il che ,suppongo, rende la vacanza un vera vacanza considerato che generalmente sono sempre appiccicata al computer o al telefono. Volevo condividere con voi questa bellissima palette di colore pubblicata nel numero di Agosto di Home & Garden. E' azzeccatissima e la dimostrazione che l'ispirazione viene da quello che ti circonda. Buon Agosto, scrivero' un altro post a breve adesso che ho trovato un angolo con una connessione decente!

2 Pinch Design

Hello my dear readers! Guess what? I am on holiday! Unfortunately because I push myself to the limit, sometimes my body rebels and it is exactly what is happening today: I feel terrible, I have no energy and have an annoying headache. I will have to learn to stop and look after myself better, I suppose. 
But lets speak about exciting things instead! I love the new Joyce cabinet by Pinch Design. It combines wood, colour and iron, it has some display shelves but also some draws to hide clutter and because it is closed using glass doors it doesn't collect dust or grease making it perfect for the kitchen as well. 
I also like the Lowry sideboard, the Vigo shelving and the Joyce chest of drawers, all have nice, clean designs and are well-made. 
Pinch Design was born in 2004 "with a single aim; to design and make furniture and lighting that we would want to live with".  They are based in London, in an area where I lived for a few years, Clapham North. I will definitely go to see them when I next go to London.

Buongiorno mie cari lettori! Indovina? Sono in vacanza. Sfortunatamente visto che mi arrivo sempre al limite, il mio corpo si è ribellato: ho un mal di testa atroce e poca energia oggi. Mi sa che devo imparare a fermarmi e dosare le energie.
Ma parliamo di cose più intriganti invece!  Adoro il nuovo mobile Joyce di Pinch Design. Combina legno, colore e ferro, ha delle mensole a vista ma anche dei cassetti per nascondere il disordine e le ante in vetro ne proteggono il contenuto da polvere e varie, rendendolo perfetto anche per la cucina.
Mi piacciono molto anche il mobile Lowry, le mensole Vigo e la cassettiera Joyce, tutti design belli, puliti e di qualità.
Pinch Design nasce nel 2004 "con un unico intento: progettare e creare arredi e luci con cui ci piacerebbe vivere". Sono stanziati a Londra, in una zona in cui ho vissuto per qualche anno, Clapham North. Li andrò sicuramente a trovare la prossima volta che vado.
 

2 30 square metres in Greece

We have no more certainties in life. In Italy it has been raining for most of the month and in United Kingdom it looks like it has been sunny for most of the month. Confusing.
Italy's climate has definitely became more tropical in the last few years and the frequent summer showers resemble monsoons. 
I don't mind a bit of rain because I am still at work and to be honest I rather deal with some water than with 28 degree heat like we had during the nights last year. Call me crazy. 
Today I wanted to propose another clever solution for small places (see also my post about a 39 sq metre flats in Paris by Metek Studio) because this is the road of the future in my opinion. 
Two Danish architects, Jens Arnfred and Dorte Manfrud, renovated this former 30 square metre former garage on the island of Lesbo, with the idea of using it as a holiday and work retreat. In order to maximize the space, they created a vertical volume that incorporates the bed on one side, the kitchen on the other, another bed on top, a small bathroom inside and many convenient hidden cabinets. In this way, using the space vertically, they managed to keep the house tidy and well organized, and the front part of it free from furniture. 
Nowadays the real luxury is time and space, that is why I believe that multifunctional volumes are the new frontier of furnishing. 

Non abbiamo più certezze nella vita. In Italia è piovuto tutto il mese mentre in Gran Bretagna sembra ci sia stato il sole quasi sempre. Che confusione. 
Il clima italiano è diventato decisamente più tropicale e gli acquazzoni estivi assimigliano sempre più a veri e propri monsoni. 
A me un pò di pioggia non dispiace tanto sono ancora al lavoro e sinceramente preferisco un pò d'acqua ai 28 gradi patiti di notte l'anno scorso. Additatemi come una folle.
Oggi voglio proporvi un'altra soluzione intelligente per spazi piccoli (vedi anche il post su un appartamento di 39 metri quadri a Parigi opera di Metek Studio) perchè secondo me questa è la strada per il futuro.
Due architetti danesi, Jens Arnfred and Dorte Manfrud, hanno restaurato questa vecchia officina di 30 metri quadri nell'isola di Lesbo, con l'idea di farne il loro rifugio di vacanza e lavoro. Per usare al massimo lo spazio, hanno creato un volume verticale che incorpora un letto su un lato, la cucina sull'altro, un secondo letto sopra, un piccolo bagno al suo interno e molti comodi ben celati armadi e cassetti. In questo modo, usando lo spazio in verticale, sono riusciti a tenere la casa ordinata e ben organizzata e lo spazio antistante sgombro di mobili. 
Oggigiorno il nuovo lusso è il tempo e lo spazio, sono per questo convinta che questi volumi multifunzionali siano la nuova frontiera dell'arredamento.


Photos by Wichmann + Bendtsen as seen in "Home n.7/14"